Domenica 23 Aprile 2017
   
Text Size

E le buche? Perché ci sono?

La strada non sarebbe più sicura senza?
Certo, e volendo noi sapremmo anche evitarle o, se necessario, riempirle!
Le buche rappresentano senz'altro un grave problema per la sicurezza di tutti, dai pedoni agli automobilisti, ma in particolare per ciclisti e motociclisti ai quali possono provocare rovinose cadute, anche con gravi conseguenze, o costringerli a repentini cambi di traiettoria che nel traffico possono risultare altrettanto pericolosi. Ma perché si formano? Certamente non si può dare la colpa delle buche sempre e solo alle piogge e all'inverno inclemente. E’ una questione di cultura tecnica e di corretto approccio al problema. Le buche non si devono formare! Se ciò avviene è evidente che qualche cosa non funziona come dovrebbe!
Purtroppo sembra che alle buche ci siamo tutti stranamente abituati. Diamo ormai le buche per scontate e non ci indigniamo come invece dovremmo e come fanno i turisti che giungono in Italia da altri paesi dove, come sappiamo, le buche sono eccezioni e non la norma, anche con condizioni climatiche ben più rigide e severe delle nostre.
3 a Forse la prima ragione delle buche nostrane sta proprio nella "abitudine"
Le buche sono probabilmente un dato storico: ci sono sempre state. Certamente qualcuno avrà progettato o lavorato male e qualcun'altro non avrà fatto i dovuti controlli su materiali e lavori, o la necessaria manutenzione. Poi pioggia e neve avranno peggiorato le cose.
Ma forse c'é anche un'altra e più semplice ragione: da 60 anni a questa parte i trasporti su ruota sono cresciuti esponenzialmente, sia come numero di veicoli in circolazione, che come carichi e velocità media, sottoponendo quindi le strade e l'asfalto a sollecitazioni sempre crescenti, certamente più di quanto la pur parallela evoluzione dei manti stradali non potesse in passato sopportare. Anche le migliori pavimentazioni in pietra dei nostri centri storici hanno del resto resistito a secoli di carri e cavalli per poi cedere rovinosamente sotto il peso e i frequenti passaggi di camion e bus. Esiste, quindi, una ragione storica che spiega le buche del passato e la nostra consolidata abitudine ad esse. Ma oggi?
3 b
La buona notizia: oggi le tecnologie danno alle strade più portanza e resistenza.
La cattiva notizia: quelle tecnologie non vincono le gare.
Oggi esistono fondi e manti di asfalto enormemente più resistenti che per la maggiore portanza, ovvero capacità di sopportare carichi superiori, evitano fessurazioni, ormaiamenti, rotture e quindi anche buche. Però, ovviamente, bisogna che anche le Amministrazioni non siano troppo abitudinarie e applichino queste nuove tecnologie, invece di comperare quelle coi "buchi a tempo" compresi nel prezzo. È poi necessario che svolgano le opportune azioni di controllo sui lavori e pianifichino una adeguata manutenzione preventiva, per evitare che primi eventuali piccoli cedimenti inneschino danni più gravi, col tempo difficilmente riparabili se non con il totale rifacimento.
Chiaro poi che certe soluzioni possono costare più di altre, ma occorre valutare anche la maggiore durata che ottengo e che può parallelamente compensare il prezzo più elevato. Se ad esempio una tecnologia nuova dura il triplo di quella abituale, anche se ora mi costa il doppio è già un risparmio. Se poi magari evita "un incidente mortale e due gambe rotte" è un bel guadagno!
Invece qui in Italia si fanno gare che dell'asfalto comperano solo "il prezzo", premiando sempre quello minimo, e solo assai raramente ricercano e comprano le sue migliori qualità.
Una modalità di scelta che alla fine non offre neppure reali economie, figuriamoci se può offrire sicurezza.
E ancora in termini di razionalità ed economicità, osserviamo che sarebbe poi utile se chi programma la manutenzione ordinaria di fogne e reti sotterranee come acqua, elettricità, gas, fognature, ecc. si coordinasse ai programmi di manutenzione della superficie stradale, in modo che fossero questi ultimi a chiudere la serie e la strada e non, viceversa, gli altri a riaprirla immediatamente. Giusto per evitare di rompere dopo pochi giorni quel manto stradale nuovo che avrebbe potuto durare qualche anno. Come invece capita, e anche spesso!
3 c  Le buche che non dovrebbero esserci, quando ci sono, riempiamole!
Le toppe non sono mai belle, certo, ma in questo caso sono senz'altro meglio del buco. Esistono a tal scopo diverse tipologie di conglomerato a freddo, confezionato in sacchi, o applicato con apposita macchina “tappabuche” che possono riempire la buca evitando così che il primo skateboard di passaggio vi sparisca dentro.
I più avanzati di questi prodotti impiegano bitume modificato ad alte prestazioni e consentono tempi di lavoro ridottissimi, applicandosi anche con la buca piena d'acqua, senza bisogno di pulizia prima e di compressione poi, perché questo conglomerato non attacca ai pneumatici. Piuttosto facile vero?
Se le buche non vi piacciono, quindi, non vi ci abituate! Chiedete a chi di dovere di non farci l'abitudine neanche lui, e di pensare piuttosto ad evitare che si formino e comunque, eventualmente, a richiuderle bene e al più presto.
La strada non sarebbe più sicura senza? Certo, e volendo noi sapremmo anche evitarle o, se necessario, riempirle!

buche
Le buche rappresentano senz'altro un grave problema per la sicurezza di tutti, dai pedoni agli automobilisti, ma in particolare per ciclisti e motociclisti ai quali possono provocare rovinose cadute, anche con gravi conseguenze, o costringerli a repentini cambi di traiettoria che nel traffico possono risultare altrettanto pericolosi.
Ma perché si formano? Certamente non si può dare la colpa delle buche sempre e solo alle piogge e all'inverno inclemente.
E’ una questione di cultura tecnica e di corretto approccio al problema. Le buche non si devono formare! Se ciò avviene è evidente che qualche cosa non funziona come dovrebbe!
Purtroppo sembra che alle buche ci siamo tutti stranamente abituati. Diamo ormai le buche per scontate e non ci indigniamo come invece dovremmo e come fanno i turisti che giungono in Italia da altri paesi dove, come sappiamo, le buche sono eccezioni e non la norma, anche con condizioni climatiche ben più rigide e severe delle nostre.

 

Forse la prima ragione delle buche nostrane sta proprio nella "abitudine"

Le buche sono probabilmente un dato storico: ci sono sempre state. Certamente qualcuno avrà progettato o lavorato male e qualcun'altro non avrà fatto i dovuti controlli su materiali e lavori, o la necessaria manutenzione. Poi pioggia e neve avranno peggiorato le cose. Ma forse c'é anche un'altra e più semplice ragione: da 60 anni a questa parte i trasporti su ruota sono cresciuti esponenzialmente, sia come numero di veicoli in circolazione, che come carichi e velocità media, sottoponendo quindi le strade e l'asfalto a sollecitazioni sempre crescenti, certamente più di quanto la pur parallela evoluzione dei manti stradali non potesse in passato sopportare. Anche le migliori pavimentazioni in pietra dei nostri centri storici hanno del resto resistito a secoli di carri e cavalli per poi cedere rovinosamente sotto il peso e i frequenti passaggi di camion e bus. Esiste, quindi, una ragione storica che spiega le buche del passato e la nostra consolidata abitudine ad esse. Ma oggi?


La buona notizia: oggi le tecnologie danno alle strade più portanza e resistenza.
La cattiva notizia: quelle tecnologie non vincono le gare

Oggi esistono fondi e manti di asfalto enormemente più resistenti che per la maggiore portanza, ovvero capacità di sopportare carichi superiori, evitano fessurazioni, ormaiamenti, rotture e quindi anche buche. Però, ovviamente, bisogna che anche le Amministrazioni non siano troppo abitudinarie e applichino queste nuove tecnologie, invece di comperare quelle coi "buchi a tempo" compresi nel prezzo. È poi necessario che svolgano le opportune azioni di controllo sui lavori e pianifichino una adeguata manutenzione preventiva, per evitare che primi eventuali piccoli cedimenti inneschino danni più gravi, col tempo difficilmente riparabili se non con il totale rifacimento. Chiaro poi che certe soluzioni possono costare più di altre, ma occorre valutare anche la maggiore durata che ottengo e che può parallelamente compensare il prezzo più elevato. Se ad esempio una tecnologia nuova dura il triplo di quella abituale, anche se ora mi costa il doppio è già un risparmio. Se poi magari evita "un incidente mortale e due gambe rotte" è un bel guadagno! Invece qui in Italia si fanno gare che dell'asfalto comperano solo "il prezzo", premiando sempre quello minimo, e solo assai raramente ricercano e comprano le sue migliori qualità. Una modalità di scelta che alla fine non offre neppure reali economie, figuriamoci se può offrire sicurezza. E ancora in termini di razionalità ed economicità, osserviamo che sarebbe poi utile se chi programma la manutenzione ordinaria di fogne e reti sotterranee come acqua, elettricità, gas, fognature, ecc. si coordinasse ai programmi di manutenzione della superficie stradale, in modo che fossero questi ultimi a chiudere la serie e la strada e non, viceversa, gli altri a riaprirla immediatamente. Giusto per evitare di rompere dopo pochi giorni quel manto stradale nuovo che avrebbe potuto durare qualche anno. Come invece capita, e anche spesso! 

Le buche che non dovrebbero esserci, quando ci sono, riempiamole!

Le toppe non sono mai belle, certo, ma in questo caso sono senz'altro meglio del buco. Esistono a tal scopo diverse tipologie di conglomerato a caldo e a freddo, scaricato da cassoni speciali che lo mantengono in temperatura o confezionato a freddo in sacchi, o ancora applicato con apposita macchina “tappabuche”. Sono tutti sistemi efficaci se correttamente applicati, possono riempire la buca evitando così che il primo skateboard di passaggio vi sparisca dentro. I più avanzati di questi prodotti impiegano bitume modificato ad alte prestazioni e consentono tempi di lavoro ridottissimi, applicandosi anche con la buca piena d'acqua, senza bisogno di pulizia prima e di compressione poi, perché questo conglomerato non attacca ai pneumatici. Piuttosto facile vero?

Se le buche non vi piacciono, quindi, non vi ci abituate! Chiedete a chi di dovere di non farci l'abitudine neanche lui, e di pensare piuttosto ad evitare che si formino e comunque, eventualmente, a richiuderle bene e al più presto.

Logo buonasfalto

SITEB Associazione Italiana Bitume Asfalto Strade
Via G. A. Guattani n. 24 - 00161 ROMA
C.F. 97008260586 - © 2011 buonasfalto.it

buonasfalto è un'ideaLogo Siteb

Area riservata